Antifurto meccanico per auto – vi racconto perché ho scelto blindocar

Volevo assicurarmi di mettere in sicurezza la mia cara automobile come si deve. Mi sono allora documentato sugli antifurti presenti oggi sul mercato. Visto che sulla mia auto era già installato un antifurto elettronico, ho indirizzato i miei studi verso gli antifurti meccanici…

L’antifurto con le palle

Il più pubblicizzato è il Bullock… L’antifurto “con le palle” che blocca i pedali dell’auto in pochi secondi. Dopo averlo analizzato tutti i vari modelli proposti, ho scartato il bullock per 2 motivi:

    • può essere forzato facilmente: la serratura è in bellavista e manometterla non obbliga il male intenzionato ad assumere pose strane che attirerebbero l’attenzione dei passanti
  • è troppo ingombrante: una volta smontato, darebbe fastidio ai passeggeri o all’autista perché dovrebbe essere appoggiato a terra

Di seguito il link per l’acquisto diretto su Amazon:

Blockshaft, il più comodo, ma….

L’alternativa più sicura al bullock? Il Blockshaft! (o il gemello Diablocks) E’ un antifurto che ho utilizzato per oltre 10 anni che permette di bloccare l’asse dello sterzo. Si tratta di un secondo bloccasterzo difficilmente manomettibile , a meno di tagliare il piantone dello sterzo. Comodissimo da usare, non ha ingombro…visto che si integra al di sotto della plancia. In linea di massima mi sento di consigliarlo, ma… fa decadere la garanzia dell’auto (relativamente al piantone dello sterzo), perchè prevede una modifica al piantone dello sterzo e necessita di una installazione presso un centro specializzato. Ho dunque scartato anche il Blockshaft

Qualcosa di meno impegnativo?

Cinesate varie ed eventuali su Amazon possono rappresentare un deterrente, ma già solo a guardarle, ispirano tutt’altro che fiducia…Fatevi un’idea guardando questi link…dal momento che volevo un antifurto serio, ho dirottato le mie attenzioni altrove.

L’alternativa “vincente”

Nelle mie ricerche su internet mi imbatto nel Blindocar, che rappresenta un compromesso interessante…Il funzionamento “si ispira” al blockshaft (blocca il piantone dello sterzo), ma:

  • non necessita di modifiche meccaniche a componenti dell’autovettura e può essere montato da chiunue abbia un minimo di familiarità con una brugola esagonale
  • può essere trasferito da un’auto ad un’altra
  • ha un ingombro ridotto (è molto più piccolo del bullock), che permette di nasconderlo all’interno della portiera
  • si trova in una posizione difficile da forzare, che metterebbe subito in luce le cattive intenzioni del ladro che volesse forzarlo. Diciamo che se fossi il ladro, opterei per un’altra auto 🙂
Unica nota negativa: La posizione è scomoda non solo per il ladro…quindi, soprattutto le prime volte, si farà non poca fatica a posizionare correttamente l’antifurto.
Ma come funziona esattamente? Si installa “un cubo metallico” direttamente sul piantone dello sterzo, tramite apposite viti di fissaggio. Però, a differenza di altre soluzioni, non viene in alcun modo alterato il piantone, ma semplicemente il cubo metallico “abbraccia” il piantone. Il cubo metallico funge da attacco per la staffa che, ancorata al piantone dello sterzo, impedisce di girare il volante.
Ecco il link per l’acquisto diretto su amazon:
E voi, che antifurto utilizzate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

wp-puzzle.com logo