Privacy Policy

Kymco Agility 300… Alla fine ha vinto lui!

Dove ci eravamo lasciati

Dopo un mesetto passato ad analizzare gli scooter di media cilindrata, alla ricerca di quello che potesse fare al caso mio, il verdetto è stato finalmente decretato… Alla fine ha vinto il Kymco Agility 300! 

In questo articolo, condividevo con la community la mia analisi sugli scooter di media cilindrata che avevo identificato come “più interessanti”. Nel prosieguo delle mie analisi, la ricerca si era orientata sempre più verso un mezzo:

  • che avrei usato principalmente in città, quindi la disponibilità di spazio a bordo era un “must” per poter lasciare uno o più caschi nello scooter in tranquillità e (possibilmente) senza necessariamente avere il bauletto. Inoltre, ragionando lucidamente, visto che utilizzerei per il 90% del tempo lo scooter in città e le gite fuori porta rappresenterebbero solo una piccola parentesi limitata alla bella stagione (forse più una speranza che una parentesi), le ruote alte sarebbero state preferibili per affrontare la giungla cittadina. Queste considerazioni:
    • aveva fatto vacillare il mio interesse per il Kymco Xciting 400 proprio perchè il sottosella è capace di ospitare solo un casco
    • il Beverly si posizionava in penultima posizione con la sua possibilità di ospitare 2 caschi (ma formato Jet) nel sottosella, ma scalava la classifica posizionandosi in prima posizione grazie alle sue ruote alte
  • non troppo ingombrante in quanto stipare lo scooter in un box singolo insieme alla macchina non è proprio agevole. Da questo punto di vista:
    • il Kymco Xciting precipitava fuori dalla mia classifica
    • il Beverly staccava gli altri proprio per via delle dimensioni più contenute (i fianchi sono più stretti di Xmax e di Forza).
    • Per i ragionamenti sul tema “ingombro”, avevo anche rivalutato l’Honda SH 300 (poi scartato perchè sottosella in grado di contenere a malapena un casco) e il Kymco People 300 (scartato poichè il sottosella non è in grado di contenere nemmeno un casco)

 

Viste le premesse, la scelta sembrava quasi scontata, ma….

Alla luce di quanto sopra, “la vittoria” del Beverly sembrava quasi scontata…dimensioni abbastanza contenute, spazio sufficiente per le mie necessità e, a dirla tutta, con motore 350cc una cavalleria di tutto rispetto (probabilmente cavalli superflui per il mio utilizzo, ma davvero un piacere da guidare!)

Tuttavia, spulciando i vari annunci in rete, mi imbatto in un modello mooooolto simile al Beverly (copia carbone del Beverly) di fabbricazione Taiwanese…ecco che compare sulla scena il Kymco Agility 300!

 

Una copia carbone del Beverly, ma direi ben riuscita…li metto a confronto!

In effetti, oltre all’estetica che richiama il Beverly, anche altri elementi accomunano i due mezzi e anzi, per ciò che mi riguarda, il Kymco Agility 300 è anche meglio.

Provo a fare un confronto tra i due mezzi evidenziando (secondo il mio parere) i pro e i contro del Kymco Agility 300 rispetto al Beverly.

I “PRO”:

  • Lo spazio a disposizione nel sottosella è decisamente TANTO, superiore allo spazio a disposizione sul Beverly
  • Appare decisamente più moderno (sistema Keyless, cruscotto digitale, freno a margherita, fari led). A onor del vero, il nuovo Beverly 300 S ha recuperato un po’ aggiungendo il cruscotto digitale e con il contagiri (le versioni precedenti ne erano sprovviste). Tuttavia, visto che è recentissimo, gli usati costano ancora troppo.
  • Nota positiva, di sicuro è il prezzo. Sul mercato dell’usato, a parità di condizioni l’Agility 300 è mediamente più economico del Beverly 300. Vero che c’è una differenza anche sull’acquisto del nuovo (il Beverly 300 costa circa 300 euro in più), ma il prezzo dell’usato Kymco scende più del Beverly. (NB: da acquirente questo è un vantaggio dell’Agility, ma da venditore diventa uno svantaggio. La tenuta del prezzo nel tempo non è come quella di uno scooter Honda o Yamaha e in questo senso, anche il Beverly fa meglio).

I “CONTRO”:

  • Tra le note negative, segnalo gli intervalli di manutenzione del Kymco Agility ogni 4.000 Km rispetto al Beverly che invece li prevede ogni 10.000 Km. Tuttavia, visto che non credo di percorrere più di 4.000 Km l’anno, questo “minus” dovrebbe pesare relativamente poco per me.
  • Aspetto che pone l’Agility dietro al Beverly, è la potenza del motore (NB: non parlo di potenza in generale, ma di potenza del motore dell’Agility rispetto al Beverly!). Il nuovo 300 S ha ben 26 cavalli (contro i 23cv del Kymco, che invece ha 2 puledri in più rispetto al 300 “classico”). Inoltre, il Beverly da la possibilità di optare per il modello 350cc oltre al 300cc. Dopo averlo provato, sono rimasto colpito dalla prontezza del motore da 350cc (la differenza si sente rispetto al 300cc “standard”). Il motore più prestante rappresenta comunque un aspetto di importanza secondaria nella mia scelta, visto che non sono alla ricerca di un mezzo per correre. Credo poi che una potenza maggiore si traduca anche in consumi più alti.
  • Un ulteriore aspetto migliorabile del Kymco è l’assenza del sistema antipattinamento ASR che invece troviamo di serie sul Beverly. Ok che le potenze in gioco non sono rilevanti, ma si tratta pur sempre di un sistema di sicurezza in più! peccato in Kymco non abbiano deciso di prevederlo!

…e non poteva certo mancare un video sul Kymco Agility 300

Vi lascio di seguito il video al link sul mio canale, all’interno del quale vi mostro dal vivo il nuovo ingresso in famiglia 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

wp-puzzle.com logo
Translate »
Privacy Policy - Personalizza tracciamento pubblicitario